Private equity, siglate 46 operazioni ad aprile e maggio

Date June 16 2021
Source Milano Finanza

Il potenziale investimento da 9,3 miliardi di euro (8,2 già certi) effettuato da Cdp Equity, Blackstone e Macquarie per l’acquisto di Autostrade per l’Italia rappresenta solo l’operazione più eclatante di un bimestre solido per il mercato del private equity italiano. Il consueto censimento dell’Osservatorio Pem di Liuc-Università Cattaneo, in collaborazione con Deloitte, Eos Investment Management, Fondo Italiano d’Investimento Sgr, McDermott Will&Emery, Unicredit e Value Italy Sgr, ha infatti mappato ad aprile e maggio 46 nuovi investimenti, quasi il doppio rispetto ai 26 del corrispondente periodo del 2020. Deal che mostrano una predominanza delle operazioni di buy-out: i due terzi del totale sono riconducibili a questa tipologia. Le aziende target sono rappresentative soprattutto di prodotti per l’industria (26%), seguiti da Ict (22%) e cleantech (22%), a dimostrazione del crescente ruolo dei cosiddetti megatrend (sostenibilità e innovazione digitale) anche per gli operatori del private equity. L’Osservatorio ha rilevato inoltre un apporto importante dei player internazionali: il 43% delle operazioni sono riconducibili a loro. «A quasi un anno e mezzo dall’inizio della pandemia», ha commentato Ciro Mongillo, ceo e founding partner di Eos Investment Management, «gli investimenti alternativi hanno mostrato tutta la loro resilienza, soprattutto per il comparto delle infrastrutture a energia pulita». Sebbene alcuni settori abbiano sofferto più di altri gli effetti dell’emergenza sanitaria, ha evidenziato il manager, «complessivamente l’industria ha retto l’urto, anche grazie al contributo manageriale e finanziario dei gestori»

Oltre al già citato deal Aspi, l’Osservatorio Pem ha censito nel bimestre altre operazioni rilevanti, come il buy-out di Cvc Capital Partners sul 100% di Bip-Business Integration Partners. Ancora, l’ingresso di Nb Aurora al 30% in Veneta Cucine, per un valore di 36 milioni, a sostegno del piano di sviluppo aziendale, e l’intervento di Oxy Capital e Illimity per la ristrutturazione di Gpack, azienda specializzata in scatole e astucci di cartone. Rilevante, infine, l’ingresso di Progressio Sgr nella maggioranza del capitale della società di attacchi per sci Atk Sports. A margine, Pem ha poi avviato la mappatura delle operazioni italiane all’estero: nel bimestre in esame, si sono visti un’acquisizione diretta in Inghilterra da parte di Hat Sgr e sei add-on, il più importante dei quali è stato l’acquisto di Streaming Well Motion Agency da parte di Healthware Group, sotto la regia di Fondo Italiano di Investimento Sgr.

(riproduzione riservata)

 

Download